Salce   (bl)              21   Aprile    2018

 Aperte le iscrizioni 2018 !!!

Siete pronti?

Sabato 21 aprile ritorna “A spasso par al loc”, edizione 2018!

Ed anche quest'anno è tutto nuovo.

Innazitutto la partenza, che sarà presso la Sede dell'Associazione “4 Stelle” al Campo Sportivo di Salce.  Poi il percorso: questa volta staremo “dall'altra parte” della SS 51 e vi porteremo alla scoperta di Giamosa e dei suoi angoli più suggestivi, raccontandovene la storia, le tradizioni e facendovi emozionare e divertire con qualche bella sorpresa lungo il percorso.

Infine l'arrivo, ancora presso la sede dell'Associazione “4 Stelle” per un finale “con le gambe sot la tola”: perchè si sa, le tradizioni  passano anche per la cucina!

Dunque vi aspettiamo, sabato 21 aprile a partire dalle  ore 19.00 con cadenze di 20 minuti tra ogni gruppo.

 

Iscrivetevi e....passate parola!

 


A spasso par al "Loc"  da     “La cura”

 

In dialetto bellunese la parola “loc”, con la “o” chiusa, significa letteralmente “luogo”, ma assume contemporaneamente anche una miriade di altri valori, più o meno intrinsechi e collegati alla sua originaria collocazione nel vocabolario rurale.

Significa, infatti, anche appezzamento di terra o, più genericamente, un’ intera azienda agricola. Può indicare una proprietà, non necessariamente personale, acquisita, ereditata o semplicemente gestita a vario titolo.

I confini del loc rappresentano il perimetro ideale in cui sono contenuti i riferimenti geografici ed esistenziali nella nostra vita e sono riconoscibili anche da molto lontano o dopo tanto tempo. Un loc è anche un’entità produttiva, non un’unità di misura, è la possibilità di ricavare il sostentamento proprio e della propria famiglia: Possedere un loc da coltivare significa quindi sicurezza economica e tranquillità per il futuro.

Il loc è la somma dei nostri interessi, è il patrimonio che trasferiremo alle prossime generazioni, costituito non solo da beni materiali, bensì da conoscenze, emozioni, esperienze e progetti, sogni e delusioni. E’ un tesoro, però, che non vale nulla se rimane chiuso ed impermeabile, sconosciuto o inaccessibile, perciò vorrei accompagnare virtualmente chiunque lo voglia, a visitare il mio. Sarò orgoglioso di mostrare sia i tratti più solivi che le zone ripide e i pusterni, alternando lo sguardo su orizzonti più lontani e altri più prossimi a chi osserva, percorrendo a passo lento il loc, non che mi appartiene per qualsivoglia diritto, ma che mi è stato temporaneamente affidato.

Questa sorta di diario di viaggio ”senza tempo”, compiuto seguendo le tracce di una vita contadina scandita ovviamente dal succedersi delle stagioni, nasce dal desiderio di ridonare forma e contorni a ricordi e testimonianze  di quella cultura rurale che ha fortemente caratterizzato la nostra comunità, ma, per naturale e inconvertibile evoluzione, rischia seriamente di perdersi per sempre. Solamente se saremo in grado di riscoprire quanto è stato, valorizzando le esperienze di chi ci ha preceduto e rileggendole attualizzate al nostro contesto, solo allora  non potremo più temere per il futuro, poiché la memoria sarà al riparo dall’oblio e dalla contaminazione nostalgica che la rende sterile. 

 

 

Prendendo spunto dalle parole con cui Paolo Tormen inizia il suo libro, le associazioni della Parrocchia di Salce, vi vogliono portare a scoprire il loro territorio. Si tratta di una escursione non impegnativa, ma neanche banale, ché partirà  dalle strade di tutti    i giorni, per inoltrarsi nei boschi, prati, campi....appunto "par al Loc". Le guide vi illustreranno, gli ambienti del "vecchio" paese,  vi condurranno  del  bosco nel buio della notte,  ed  a  scoprire  angoli  suggestivi  per  emozionarvi  con   sorprese (musica, teatro, canzoni, poesia, storia, natura) preparate  da  persone fortemente legate a Salce. Portatevi  una torcia, ma  limitatene  l'uso per  assaporare  il buio del bosco che  non  sempre  si  ha  piacere di gustare.   Ai piedi vi  consigliamo di indossare dei scarponcini,   perché  passeremo  per  sentieri  sassosi  e  prati che potrebbero  essere  bagnati. Il  percorso è  di circa 6 chilometri, che percorreremo in due ore e mezza. All'arrivo fissato all'asilo ci sarà un ristoro per tutti.

 

L'incasso sarà devoluto all'asilo parrocchiale.  

Dicono  di noi:

Commenti: 8
  • #8

    Stefano (mercoledì, 26 aprile 2017 11:33)

    Per favore se dovete comunicare qualcosa(che non siano commenti) od avere chiarimenti a riguardo della camminata fatelo sulla pagina iscrizioni, perchè qui non posso contattarvi.

    per Monica Dalla Mora: il gruppo n. 1 è disponibile solo per gruppi con bambini vi consiglio di iscrivervi sui rimanenti.

    Per Maggie: i sentieri sono tutti agevoli, a parte una scalinata e circa 30 mt di salita, ma è comunque preferibile lo zaino per la bambina.

    Grazie.

  • #7

    Maggie (mercoledì, 26 aprile 2017 11:09)

    Buongiorno,
    noi abbiamo una bambina di 4 anni, l'escursione è possibile farla con lei? abbiamo lo zaino, ed eventualmente il passeggino. Grazie in anticipatamente.

  • #6

    Monica Dalla Mora (mercoledì, 26 aprile 2017 10:04)

    Buongiorno vorrei iscrivere all evento 5 persone con partenza alle 19. Potrei avere conferma?

  • #5

    Claudia Barattin (domenica, 23 aprile 2017 21:48)

    Iscrizione alla corsa "a spasso par i loc" a Salce il 29/04/2017.

  • #4

    Monica Dalla Mora (giovedì, 13 aprile 2017 16:24)

    Vorrei iscrivermi al vostro evento
    Come posso fare?

  • #3

    Anto (martedì, 26 aprile 2016 23:18)

    24 aprile 2016
    E' quasi l' una , sono da poco rincasata ma non e' ancora giunto il momento di coricarsi....
    E' troppo impellente il desiderio di imprimere , con quelche riga , questi attimi di magia vissuti "a spasso par al Loc".
    Una passeggiata notturna alla riscoperta dei nostri luoghi piu' suggestivi , pregni di ricordi antichi , alcuni vissuti , altri raccontati dalla mia "gente" e (ancor piu' forti) quelli a me sconosciuti ma che sento potenti , ancestrali...
    La fusione armonica di voci che intonano la nostalgia di chi un giorno e' dovuto partire ;
    "Folletti" che , nel buio dei loro boschi , suonano alla luna ;
    Quel breve assaggio di timore , sul greto del Fiume Sacro alla Patria , sentendo un " Altola' " nella notte ;
    L' antica genuinita' delle "ciacole nei cortivi" ;
    La sosta musicale presso l'ultima dimora "de quei de Salce" , e che musica ! E. L. Masters e De Andre' ne sarebbero
    fieri ! Ho colto l'occasione (e il coraggio) per esaudire un mio desiderio entrando , di notte , in quel luogo di pace e proprio questa ho sentito .
    Grazie.
    Lo so , esaltati dalla pioggia ( su misura ) , saranno miei per sempre tutti i profumi respirati in questa notte ,
    erba e fiori !
    E quindi grazie a Stefano , agli organizzatori , ai collaboratori , ai cuochi !!!
    Grazie a tutti i partecipanti e alla loro buona compagnia !
    Meraviglioso !

  • #2

    Marisa (martedì, 26 aprile 2016 15:06)

    Amo partecipare alle passeggiate organizzate nei dintorni di Belluno perché mi permettono di conoscere luoghi e panorami altrimenti non raggiungibili da un estraneo. Ma il percorso di sabato sera e' stato una cosa che mi ha toccato nel profondo e che non potrò dimenticare. E' stato tutto molto coinvolgente, mi pare di far parte del paese di Salce. Si sentiva che dietro l'impeccabile organizzazione c'era un cuore, tanti cuori ...e anche tante mani! BRAVI TUTTI !!!

  • #1

    Stefano (lunedì, 25 aprile 2016 20:07)

    In attesa della pubblicazione delle foto e la presentazione delle persone che hanno arricchito il percorso della "a spasso par al Loc", è gradito un vostro commento sulla camminata e la serata trascorsa a Salce.
    Grazie.